Il cerchio si chiude
(seconda parte)


I primi sentori del riavvicinamento tra la musica colta e quella popolare si hanno alla fine deI componenti del Loussier Triogli anni quaranta, quando alcuni musicisti jazz cominciano a mischiare il jazz con la musica sinfonica (emblematico ad esempio il caso di Harlem di Ellington, composto espressamente per Arturo Toscanini e la sua NBC Symphony Orchestra) non però come era stato fatto negli anni ’20 da Gershwin e soci, ma giustapponendo e fondendo proprio gli elementi tipici dei due linguaggi musicali di modo da creare un linguaggio ibrido nuovo.Ornette Coleman

Negli anni ’50, sempre grazie all’opera di esponenti del mondo del jazz, che in questo periodo sembra essere particolarmente fecondo, si cominciano ad avere trascrizioni jazzate e rielaborazioni di classici della musica colta dei secoli scorsi (di grande qualità ad esempio le trascrizioni bachiane del pianista francese Jacques Loussier o le rielaborazioni wagneriane di Stan Kenton).

Per avere contaminazioni sul versante opposto (le contaminazioni “colte” della musica popolare), si deve attendere il volgere della decade successiva, e di nuovo la scena ad essere interessata è quella jazzistica, con il fiorire di musicisti come Ornette Coleman e Sun Ra che, attraverso la tecnica del free jazz si dedicheranno alla ricerca stilistica tipica della musica dI Pink Floyd in vesione quintetto nel 1968odecafonica e atonale applicata al jazz.

Nello stesso periodo, i musicisti di quello che a tutti gli effetti diverrà il genere musicale popolare per eccellenza, cioè il trock, cominciano anch’essi ad interessarsi alla sperimentazione, complice anche l’avvento dell’uso di droghe e altri artifici atti ad espandere le percezioni tipiche di quel periodo.

Dopo il fenomeno deflagrante della psychedelia “inventata” per così dire dai Beatles, tra la fine degli anni ’60 e la prima metà dei ’70 un gruppo di musicisti, in parte autodidatti, in parte di estrazione accademica, cominceranno a sperimentare l’uso di linguaggi “alti” nelle Alan Parsons e Eric Woolfson, i creatori dell'Alan Parsons Projectproprie composizioni (si vedano ad esempio certe composizioni dei Pink Floyd o dell’Alan Parsons Project), mentre altri riesumeranno la tecnica della citazione, della trascrizione o dell’ibridazione di composizioni classiche (anche moderne, come la Toccata di Ginastera rielaborata da Emerson, Lake and Palmer, peraltro con l’approvazione entusiasta dello stesso autore).

Ovviamente, come in tutte le espressioni umane, non tutta la musica nata da queste commistioni è di buona qualità, ma la maggior parte di ciò cheè stato prodotto in quegli anni si assesta su un livello di qualità elevata.

Nel corso Emerson, Lake e Palmer durante un concertodegli anni, con l’avvento del cosiddetto riflusso, questo filone musicale si è in buona parte “essiccato”, lasciando però agio a molti musicisti di questo periodo di produrre di tanto in tanto opere di pregio assoluto (si vedano per esempio le composizioni lirico-sinfoniche di Paul McCartney Liverpool oratorio e Standing stone, l’Oratorio di Vangelis Mythodea,  le opere Genesi e Gilgamesh di Franco Battiato, nonché il successo teatrale europeo di questa stagione, l’opera Notre Dame de Paris di Riccardo Cocciante).
 



















Aria sulla quarta corda di Bach nella trascrizione ed esecuzione del Jacques Loussier Trio in una nuova registrazione del 2001
[Ascolta]    [Torna al testo]
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Frammento di Shine on you Crazy Diamond dall’album "Wish you where here" (1975) dei Pink Floyd
[Ascolta]    [Torna al testo]
 
 
 
 
 
 
 
 
 

The Fall of the House of Husher: Prelude (Parsons/Woolfson/Powell) tratto dall’album "Tales of Mistery and Imagination" (1975) dell’Alan Parsons Project
[Ascolta]    [Torna al testo]
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Frammento dalla Toccata di Alberto Ginastera trascritta ed eseguita nell’album "Brain Salad Surgery" (1973) da Emerson, Lake and Palmer
[Ascolta]    [Torna al testo]
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Frammento dal X movimento dell’Oratorio Mythodea (2001) composto da Vangelis ed eseguito dalla London Metropolitan Orchestra con il Coro Dell’Opera Nazionale di Grecia diretti da Blake Neely con la partecipazione di Kathleen Battle e Jessye Norman (soprani) e Vangelis alle tastiere elettroniche
[Ascolta]    [Torna al testo]
 
 

 



TORNA AL SOMMARIO